The Shipwreck Bag Show

Mercoledì, 1 Febbraio, 2012
7"
3 tracks
Wallace Records, Phonometak Labs, Paintvox

The Shipwreck Bag Show - Apocrifo by xabier iriondo

Recensioni

Rockit Vittorio Lannutti
Il duo formato da Xabier Iriondo e Roberto Bertacchini continua nel suo percorso verso i territori della sperimentazione e della canzone sbilenca ed inceppata, pubblicando questo sette pollici in vinile con quattro brani in scaletta. Sul lato A troviamo “Apocrifo”, che è un delirio paranoico su un ritmo serratissimo, a seguire “Duende”, nella quale prevalgono gli sperimentalismi elettronici e spezzettati di Iriondo su cui Bertacchini canta dal microfono dell’armonica frasi stranianti. Il lato B contiene l’incespicante ed abrasiva “Maiale” e la sincopata, ma anche ovattata ed abrasiva “Alunno”, un brano che è un coacervo delle anime del duo più sperimentale del panorama rock italiano.
Eye on Musica Andrea Facchinetti
Xabier Iriondo (Uncode duello, A Short Apnea, Afterhours) e Roberto Bertacchini (Sinistri) dopo un mCD e due album escono con un 7” sempre a nome The Shipwreck Bag Show. Ascoltando le quattro tracce si percepisce un legame molto forte con il loro ultimo lavoro, la voglia di utilizzare la forma canzone il più vicino possibile alla declamazione surreale (non sempre, volutamente, a tempo) e l’amore per il noise e rumorismi di ogni genere. Il duo, utilizzando solo batteria, chitarra e melobar, inizia dal lato A con il ritmo sostenuto ed ossessivo di Apocrifo (un mix tra Massimo Volume e CCCP in salsa noise) e con la pazzia sonora di Duende; il lato B ci offre il suono grattuggiato di Maiale e la ritmica primitiva di Alunno. Bisogna ricordare che oltre a Wallace Records, Paintvox e Phonometak Labs, già editori del disco precedente, c’è la neonata Tarzan Records a dare una mano mentre l’artwork è stato realizzato dall’artista Valentina Chiappini. Mi sarei aspettato qualcosa di più sperimentale e di folle, ma sinceramente va benissimo anche così. Questo disco, anche se si tratta solo di un 7”, ha forza e personalità e arriva nello stomaco passando per il cervello, facendo vibrare tutto il corpo.
Kill Surf City
Ecco il nuovo lavoro omonimo di The Shipwreck Bag Show, giunti alla quarta prova dopo un mini CD e due album. Un duo – Xabier Iriondo e Roberto Bertacchini – suona come una collaborazione impossibile ma reale tra Suicide e primi CCCP, oggi alla firma di quattro brani di cantautorato noise d’assalto; tre schiaffi brevi ed immediati ed una quarta traccia, “Alunno”, ad estendere, approfondire e concludere il discorso. Anche questo EP si configura come esperimento di editoria condivisa: Wallace Records, Paintvox, Phonometak Labs (già editori del disco precedente “KC”) oltre che la neonata Tarzan Records, il tutto in distribuzione Audioglobe. Un duo, The Shipwreck Bag Show, che non ama stare con le mani in mano: se Roberto Bertacchini ha da poco pubblicato il suo album solista “Contraddizioni”, il collega Xabier Iriondo non rimane a guardare ed esordirà a breve come solista nella Phonometak Series (serie di release in 10” in collaborazione tra Wallace Records e Phonometak Labs).